Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del presidente Giuseppe Conte, ha convenuto sulla data del 29 marzo 2020 per l’indizione – con decreto del Presidente della Repubblica – del referendum popolare previsto dall’articolo 138 della Costituzione sul testo di legge costituzionale recante: «Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari», approvato dalle due Camere e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, serie generale, n. 240, del 12 ottobre 2019.

  • DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 28 GENNAIO 2020 - G.U. N. 23 DEL 29/01/2020: Indizione del referendum popolare confermativo della legge costituzionale recante:" Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari"

 

https://www.interno.gov.it/it/notizie/referendum-sul-numero-dei-parlamentari-vota-29-marzo

 

- Voto italiani all'estero

I cittadini italiani residenti all'estero e regolarmente iscritti all'AIRE possono esercitare il diritto di voto all'estero nel luogo di residenza per le elezioni politiche nazionali, per i referendum abrogativi e costituzionali ex artt. 75 e 138 della Costituzione e per le elezioni del Parlamento europeo. Il voto all'estero per le elezioni politiche nazionali e i referendum è regolato dalla Legge 27 dicembre 2001, n. 459 e dal relativo Regolamento attuativo (D.P.R. 2 aprile 2003, n. 104), in attuazione degli art. 48, 56 e 57 della Costituzione, che hanno istituito la Circoscrizione Estero. La Legge 6 maggio 2015, n. 52, (c.d. "Italicum") ha stabilito che anche i cittadini temporaneamente all'estero per un periodo di almeno tre mesi per motivi di lavoro, studio o cure mediche possono chiedere al proprio Comune di votare all'estero per corrispondenza.

- Opzione di voto in Italia:
Quella del voto per corrispondenza è la modalità ordinaria di voto. In alternativa il cittadino italiano residente all'estero può optare, entro il termine fissato dalla legge, per votare in Italia, presso le sezioni elettorali del comune nelle cui liste elettorali è iscritto. L'opzione si esercita con una comunicazione scritta indirizzata al Consolato di residenza entro il decimo giorno successivo alla indizione delle votazioni. (8 Febbraio 2020) . A tal fine si allega il modulo di richiesta da far pervenire all'autorità consolare di riferimento.
Vedi modulo opzione di voto

 Si rende noto altresì l'elenco degli Stati nei quali non è ammesso il voto per corrispondenza.

 

Voto a domicilio
Le persone colpite da gravissima infermità fisica possono chiedere di esercitare il diritto di voto presso l'abitazione.
Alla domanda, deve essere allegato certificato medico che attesti l'infermità, rilasciato dall'Ast di competenza e deve pervenire all'Ufficio Elettorale del Comune di Cortemaggiore entro il 9 marzo 2020.

 

Propaganda elettorale

Con Deliberazione n. 35 del 25/02/2020 sono stati individuati, delimitati e assegnati gli spazi destinati alle affissione di propaganda elettorale,

 

 

Agevolazioni tariffarie per i viaggi ferroviari, via mare e autostradali.

Con circolare n. 15/2020 il Ministero dell'Interno ha riepilogato le agevolazioni tariffarie per gli elettori che si recheranno a votare nel proprio comune di iscrizione elettorale